lunedì 10 dicembre 2012

IL RITORNO DEL PUTTANIERE CHE CI RIMANDA A PUTTANE

"Il sottoscritto Salvador Righi, a seguito degli avvenimenti degli ultimi giorni, dichiara preventivamente che nei prossimi mesi non proverà nessuna forma di rispetto verso Berlusconi e, soprattutto, chi lo voterà. Buonanotte."

Mi autocito riportando ciò che ho scritto sabato sera nella mia bacheca di Facebook.
Entro nello specifico perché dall'altro giorno, quando ha detto che si sarebbe ricandidato, ne è passata di acqua sotto i ponti e le mie palle hanno girato così tanto che c'ho collegato una turbina e ho soddisfatto il fabbisogno energetico di casa mia fino al 2020.
Ok, all'inizio come tanti altri l'ho buttata sul ridere: ma guarda 'sto vecchietto patetico, non ha vinto Renzi quindi ci riprova, che pena mi fa...
Poi è successo di tutto: salta l'appoggio al governo, i suoi sgherri vengono sguinzagliati a destra e a manca, Monti si dimette, stamani lo spread ritorna a quota 350 e la borsa di Milano crolla.
E allora capisci che anche stavolta la situazione, come diceva Flaiano, è drammatica ma non seria; già il solo fatto che potrebbe non dico vincere le elezioni, ma anche rimanere in politica e condizionarne la vita, mette paura al mondo intero che conosce bene la natura di questo oscuro personaggio: un vecchio patetico, puttaniere, schifosamente maschilista, corruttore, piduista, artefice principale della rovina economica e morale di questo paese.
Ecco, questo è silvio berlusconi e se fino a poco tempo fa mi sono contenuto oggi non lo faccio più e dico, da persona onesta che paga regolarmente le tasse, che uno come lui mi ha definitivamente rotto i coglioni e si deve togliere dalle palle.
Inoltre, come dicevo sopra, da ora in poi non proverò più il minimo rispetto verso lui, i suoi paggetti leccaculo sparsi in tv e in politica, le sue mignotte elevate a rango di onorevoli e consigliere regionali e, soprattutto, verso coloro che continueranno a dargli il loro voto.
Non esiste nessun motivo plausibile per farlo, tutti hanno capito chi è berlusconi e se uno continua a votarlo vuol dire che è come lui.
PS. Tra l'altro mi domandavo il motivo di una trasmissione oscena come "Quinta colonna" su Rete4, condotta da quel forzaitaliota della prima ora chiamato DelDebbio; non capivo il suo ritorno in tv, le sue crociate contro il governo Monti e il cavalcare dell'antipolitica.
Ora l'ho capito.
 

Nessun commento:

Posta un commento