mercoledì 8 gennaio 2014

RISCOPRENDO PETER

Iniziamo questo 2014, un po' in ritardo a dir la verità, partendo da un pensiero che mi frulla in testa da qualche giorno.
Si sa che la vita è strana e a volte ti fa compiere dei giri tortuosi per farti tornare al punto di partenza (un po' come nel gioco dell'oca)...
Ok ok, la smetto di fare il Marzullo de noantri e torno me stesso: semplicemente mi capita, ogni tanto, di riscoprire qualcosa, un libro o un disco per fare un esempio, che da tempo avevo messo da parte.
E tutto questo per dire che, dopo anni, ho ritirato fuori i cd di Peter Gabriel e ho ricominciato ad ascoltarli...


...Dio mio quanto mi era mancato questo cantante!
Io non so come mai l'avessi messo da parte negli ultimi anni. Forse lo avevo ascoltato troppo?
Non lo so, fatto sta che pur essendo nella fila in alto della mia collezione di cd (ed in quella fila ci sono, oltre a lui: Phil Collins, Genesis, Led Zeppelin, Beatles e Iron Maiden, cioè i VIP dei miei cd), quando si trattava di scegliere qualcosa da ascoltare sceglievo altro.
Poi l'altro giorno mentre guidavo e ascoltavo un vecchio cd misto dentro, ecco che spunta fuori "Intruder" ovvero la prima canzone del terzo album.
Caspita, appena ho risentito quella batteria mi si è come riaperto il suo mondo e appena ho avuto l'occasione, a casa, ho rimesso su i suoi cd: i primi 4, So, Us, Up, Passion, Secret World Live, Ovo...insomma, tutto!

Ma non è stata la stessa cosa. E' stato ancora più bello, come se questa lontananza durata anni mi avesse fatto scoprire nuovi lati e nuovi dettagli nelle sue canzoni che non avevo mai notato. Ora mi godo ancora di più le sfumature della sua voce, gli arrangiamenti, le linee di basso di Tony Levin, la sua voglia di sperimentare nuove sonorità.
Mi domando solo come abbia fatto a non ascoltarlo negli anni scorsi.
Pazienza, ora vedrò di rimediare...

Nessun commento:

Posta un commento