giovedì 13 aprile 2017

PREZZI BASSI, SEMPRE

Bello il dibattito perenne a sinistra, devo dire che non posso farne a meno.
Si sa, è difficile definirsi di sinistra al giorno d'oggi (ma anche di ieri), perché appena lo dici esce fuori qualcuno che si reputa più a sinistra di te e tu diventi un democristiano.
Tu diventi l'erede di Andreotti e di tutta la malapolitica demogristiana, lui quello di Berlinguer e dell'integrità del fu PCI.

Vabbè, dettagli, oggi viviamo nella società liquida dove il concetto di destra e sinistra è andato a farsi benedire così come il dolore per le fregature che ricevi a 360°: è bello però scoprire che uno di questi che si riautodefinisce di sinistra sia quello che ti ha fregato a suo tempo.
In nome di cosa?
Della demagogia spicciola, di quella che tanto piace alla ggente.
Com'è andata?
Semplicemente: dopo una vita di studi, di esami sudati e conquistati con le unghie e con i denti, finalmente ecco che arriva la laurea in architettura e si entra nel mondo del lavoro, circa 12 anni fa.
Un po' di pratica in qualche studio, la voglia di ritagliarsi un posticino all'interno di questo mondo sempre più complicato e poi un domani uno studio per conto proprio.
Chiedevo troppo?
Ma soprattutto, a che prezzo?
La qualità si paga, più spendi e meno spandi era il leit motiv di quando ero piccolo e il mondo conservava un briciolo di logica: e invece no, il motto del nuovo secolo doveva essere un altro, qualità a basso prezzo, in pratica vedi di diventare un supermarket e lavora a sconto.
Ma non si può, non è giusto, almeno rispettiamo dei minimi tariffari sotto al quale non si possa scendere!
No, non se ne parla, aboliamo i minimi, ognuno faccia il prezzo che vuole!

Com'è andata a finire?
Semplice: una pratica completa per l'installazione di 10 pannelli fotovoltaici, in zona vincolata (quindi con autorizzazione paesaggistica) con tanto di nulla osta da parte di un istituto di case popolari, una ditta (con studio tecnico interno) di un'altra regione, senza fare sopralluoghi, te la fa pagare 1200 € IVA inclusa.
Come mai?
Perché stanno bassissimi con i prezzi, di conseguenza ne fanno tante, si possono permettere il lusso di qualche "dipendente" a costo risibile e tante grazie e arrivederci.
Invece tu, libero professionista che sei sempre disponibile con il cliente, che porti avanti il lavoro con cura e precisione, che assisti il cliente pure la sera dopo cena perdendo la possibilità di stare un'ora con i tuoi figli e tua moglie, che per forza di cose e per un briciolo di orgoglio professionale non puoi garantire certi prezzi, al momento del saldo passi da:
- Ladro
- Furbacchione
- Incompetente
Per tutto questo, per aver mandato a mignotte la dignità professionale di tanti bravi liberi professionisti (evidentemente rei di sembrare una casta agli occhi della ggente), ti ringrazio caro Pier Luigi Bersani, ultimo baluardo della sinistra.
Grazie per l'abolizione dei minimi tariffari, alla fine sappi che gli unici ad averci rimesso sono stati i neolaureati e quelli che lavoravano da poco: in pratica i pesci piccoli.
Grazie davvero, la prossima volta invece di studiare mi inventerò un partito di sinistra.

Nessun commento:

Posta un commento